Home
Lotto
Lotto Istantaneo
Regole di gioco lotto istantaneo
Nuova schedina lotto istantaneo
Decreto legge Lotto
Forum
Instant Scratchies
SuperEnalotto Istantaneo
Lotto: Il sito ufficiale


 

Tassa della fortuna: quando vinci, devi pagare le tasse!

 

Tutti sanno più o meno quali sono i giochi per tentare la sorte sia online che in modo tradizionale (fisico), ma non molti sanno che su eventuali vincite esiste la Tassa della Fortuna. Si tratta sostanzialmente di una percentuale di tassazione che viene applicata dal fisco sulle vincite superiori ai 500euro e da cui non si può proprio sfuggire in alcun modo. Molti giochi, quindi, sono soggetti a un’aliquota che va dall’8% al 12%. Questa misura non fa piacere, ma è d’obbligo e perciò conoscerla è importante per non restare delusi successivamente di fronte al prelievo fiscale al momento della vincita.

Tale manovra permetterà di far entrare nelle casse statali, si prevede, circa 148 milioni di euro l’anno di cui 48 milioni per il Lotto e 95 per gli altri giochi. La manovra è stata molto discussa poiché non pare in alcun modo contrastare il gioco d’azzardo e va a colpire, in fondo, l’umile cittadino baciato dalla fortuna. In molti, scettici riguardo alla norma, hanno proposto piuttosto una tassazione sulle vincite alla fonte: il concetto è lo stesso, ma almeno al giocatore arriva nelle tasche quanto vince.

A quanto ammonta la tassa della fortuna?

Secondo l’Articolo 6 della Manovra bis del governo fatta nel giugno 2017, ed in vigore dal 1 ottobre 2017 (modifica all’art. 1-488, n.311 del 30 dicembre 2004): Gratta e Vinci, SuperEnalotto, Videolottery, Win For Life sono soggetti al pagamento di una tassa fiscale pari al 12% in caso di vincita sopra ai 500 euro, passata da 8 a 12% a ottobre. Nel caso del Lotto si è invece passati dal 6 all’8%.

I casinò online, la lotteria Italia, il poker, il bingo, la tombola, le slot machine online, come farwestslot.it, non saranno invece soggetti a tassazione. Nel caso delle slot il motivo è anche il fatto che le vincite non possono superare i 100 euro e quindi sono sotto la soglia fissa di 500 euro. Anche se potrebbe essere una percentuale apparentemente bassa, in realtà non lo è affatto. Basta pensare al jackpot vinto qualche mese fa all’Superenalotto: sul montepremi milionario, quel 12% è stato pari a 15 milioni di euro.

Vincere ai giochi: come ritirare la vincita e pagare la tassa

Quando si fa una vincita ai giochi indicati su cui va pagata la tassa della fortuna è importante ricordare che il montepremi ci mette circa tre mesi per arrivare e, per questo, è bene non fare spese grosse prima di questo lasso di tempo, presi magari dall’euforia. Prima è meglio ritirare il proprio premio e pagare le dovute tasse. Per sicurezza molti consigliano anche di aprire un altro conto, in un’altra banca, per separare le cose.

La vincita non va confessata a nessuno per non mettersi a rischio. Per ritirare il premio dovuto è necessario recarsi in una delle sedi Sisal, che si trovano due a Milano, una in centro e un’altra a Peschiera Borromeo, e una a Roma. Qui bisogna presentarsi con un documento di identità, il codice fiscale e la schedina vincente.

.